Funnel marketing – Guadagnare grazie ad un… imbuto!

2732018
funnel

Pensare di incrementare i profitti di un’attività ed ampliare la propria rete di clienti servendosi, tra gli altri, di un imbuto avrebbe potuto destare non poche perplessità agli occhi dei più. Ma non oggi. Non online, perlomeno!

Si sente parecchio vociare attorno a questo argomento e su come il Funnel marketing, l’Imbuto, si stia rivelando vincente nelle strategie aziendali di acquisizione clienti.

Si tratta innanzitutto di convertire un primo contatto in un cliente reale, che diventi poi fan, testimonial ed addirittura “brand ambassador” della nostra attività.

Il termine corretto si traduce quindi in “Funnel di Vendita”, un imbuto all’interno del quale versare un cospicuo quantitativo di contatti per poi lasciarne uscire, come da normale funzionamento dell’oggetto stesso, un numero inferiore ma decisamente interessati a noi.

Lo scopo è chiaramente convertire, trasformare un click in una vendita, generare interesse reale. E questo è ciò che il Funnel marketing propone.

Si riconoscono quindi quattro step fondamentali affinchè la campagna funzioni:

  • Generare Leads: analizzare la provenienza ed il settore dei contatti desiderati, quanti di questi derivano da ricerche organiche o campagne create appositamente. Bisogna innanzitutto farsi notare.
  • Da Leads a Prospect: si tratta di spingere i contatti selezionati ad un’azione, generare interesse vero. Indirizzare i contatti ad una “Landing page” accattivante che venga quindi visitata e tenuta in considerazione potrebbe essere una soluzione.
  • Fidelizzare i Prospect: creare desiderio nei potenziali clienti è ora fondamentale, incuriosirli sul prodotto venduto, suscitare in loro il bisogno di rivolgersi a noi. Questo può essere inoltre il momento adatto per censirne alcuni dati da riutilizzare in seguito avvalendosi di remarketing specifico.
  • Passare all’azione: proporre e vendere i servizi offerti ad un cliente decisamente interessato ad acquistare.

Il Funnel generato permetterà quindi di tracciare dati che creino uno storico sulle strategie utilizzate per acquisire contatti,le tappe compiute da un potenziale cliente sino a diventare cliente reale così come poter istituire una connessione con i contatti che non hanno mostrato l’interesse sperato durante le fasi preliminari.

Considerando quindi quanto possa essere difficile concludere una vendita “a freddo” così come far si che si generi una conversione alla primissimo click, un Funnel strategico ed un buon team di esperti potrebbero rivelare gli “utilizzi alternativi” di un imbuto nell’epoca dei travasi 2.0